Category Archives: Curiosità

La Regina Elisabetta II nella classica litografia prodotta per la Sterlina

La Regina Elisabetta II: 65 anni di regno

La Regina Elisabetta II del Regno Unito è la monarca più longeva della storia britannica, ha quasi 91 anni ed ha celebrato 65 anni di regno il 6 Febbraio 2017 con il giubileo di zaffiro.
Essendo la monarca che per più tempo è stata al trono della Gran Bretagna, il suo regno è stato caratterizzato da una particolare sensibilità per i cambiamenti storici e del modo di percepire la monarchia da parte del pubblico, e da un approccio alle tradizioni, a cui la corona è legata, più moderno ma al contempo rispettoso.

La Storia della Regina Elisabetta II

Infanzia

La Regina Elisabetta II del Regno Unito è nata sotto il nome di Principessa Elizabeth Alexandra Mary il 21 Aprile 1926 a Londra, in Inghilterra. Quando nacque molti non si aspettavano che sarebbe diventata la futura regina del regno britannico.

La Regina Elisabetta I, la Regina Madre

La Regina Elisabetta I, la Regina Madre

Suo padre, Principe Alberto era il secondo figlio del Re Giorgio V e delle Regina Maria, e sua madre, anche conosciuti come il Duca e la Duchessa di York, passavano le loro giornate tra la loro casa a Londra e la loggia reale, la casa di famiglia nel parco degli Windsor.

La Regina Elisabetta II potè godere, quindi, nei primi 10 anni della sua vita di tutti i privilegi dell’essere membro della famiglia reale, senza però subire le pressioni derivate dal mantenimento dell’ apparenza che essere di nomina regia comporta.
Elisabetta II, il cui soprannome è sempre stato Lillibet, e la sua sorella minore Margaret furono istrutite a casa da alcuni tutori.

Il padre diventa Re

King Edward VIII & Miss Wallis Simpson nel 1936

King Edward VIII & Miss Wallis Simpson nel 1936

King George VI

Re Giorgio VI

Nel 1936 la vita della Regina Elisabetta II cambia radicalmente in seguito alla morte del nonno, il Re Giorgio V, al quale era molto affezionata.
Suo Zio, erede al trono, diventa Re Edoardo VIII. L’uomo da due anni portava avanti una relazione con l’americana Wallis Simpson. A causa della sua origine non aristocratica e dei suoi due divorzi, la relazione non era benvista a palazzo.

Fu così che Re Edoardo VIII dovette scegliere tra il cuore e la corona.
Prevalse l’amore e abdicò, determinando in questo modo che il fratello, il Principe Albero, fosse il nuovo successore al regno della Gran Bretagna.
Il padre di Elisabetta II diventa in questo modo Re Giorgio VI.

Servizio nella seconda guerra mondiale

Nel 1939 scoppia la seconda guerra mondiale, all’epoca Elisabetta II e sua sorella Margaret passavano le loro giornate per lo più lontano da Londra, nel castello di Windsor.

Dalla contea del Berkshire, dove era situato il castello, Elisabetta II partecipò al primo dei suoi famosi interventi ad una trasmissione radiofonica, dove a soli 14 anni, mostrando molta calma e una personalità ferma e determinata, provò a rassicurare i bambini della Gran Bretagna, specialmente quelli che per motivi di sicurezza erano stati evacuati dalle loro case e allontanati dalle loro famiglie.

La futura Regina pronunciò in tale occasione la seguente frase “In the end, all will be well. For God will care for us and give us victory and peace.” [Alla fine tutto andrà per il verso giusto. Dio si prenderà cura di noi e ci porterà alla vittoria e alla pace]
Molto giovane cominciò a occuparsi dei suoi primi doveri pubblici.

La Regina Elisabetta II ed il Presidente USA Ford nel 1976

La Regina Elisabetta II ed il Presidente USA Ford nel 1976

Nominata Colonnello in capo delle guardie granatiere da suo padre, fece la sua prima comparsa in pubblico nel 1942 per ispezionare le truppe.
Subito dopo cominciò ad accompagnare i suoi genitori alle visite ufficiali all’interno del Regno.

Nel 1945, Elisabetta II si unì al Servizio Ausiliare Territoriale per poter partecipare personalmente allo sforzo per la guerra. Fu addestrata come autista e meccanico professionista. Il suo lavoro come volontaria durò solo qualche mese, ma le permise di comprendere il mondo da una prospettiva diversa rispetto a quella da appartenente alla famiglia reale.

Matrimonio e ascesa al potere

Elisabetta II incontrò per la prima volta Philip Mountbatten, figlio del Principe Andrea della Grecia, quando aveva solo 13 anni e ne rimase subito colpita.
I due erano cugini alla lontana, rimasero in contatto per anni e alla fine finirono per innamorarsi.
I due erano una coppia inusuale. Elisabetta II era, infatti, calma e riservata mentre Philip turbolento e molto diretto.
Suo padre, il Re Giorgio VI, aveva molti dubbi sull’unione.

Elisabetta II e Filippo Incoronati

Ciònonostante, nel 1947 i due convolarono a nozze.
La futura Regina per l’occasione indossò un abito disegnato da Norman Hartnell, couturier preferito dai nobili britannici. L’abito era di seta color avorio, decorato con oltre 10mila perline.
La cerimonia si tenne nell’abbazia di Westminster a Londra il 20 Novembre. La famiglia prese il nome di Windsor, seguendo il consiglio della madre di Elisabetta e del primo ministro Winston Churchill.

Per la prima volta nella storia, la cerimonia fu trasmessa in televisione, permettendo alle persone da ogni parte del mondo di assistere allo sfarzo e alla spettacolarità dell’evento.
La coppia in poco tempo ebbe un figlio, il futuro erede del Regno Unito: il Principe Carlo.

Nel 1950 nacque invece la seconda genita: Anne.
Il 6 Febbraio 1952 il Re Giorgio VI muore, mentre Elisabetta II e Philip erano in Kenya.
Elisabetta II diventa così Regina del Regno Unito.
L’incoronazione ufficiale avvenne il 2 Giugno 1953 nell’abbazia di Westminster.

Da impero a Commonwealth

Quando Elisabetta II divenne Regina, la Gran Bretagna del post-guerra era ancora sostanzialmente un impero.
Tuttavia, durante gli anni ’50 e gli anni ’60, molti dei paesi colonizzati raggiunsero l’indipendenza e l’impero britannico si evolse in Commonwealth.

 

La Regina Elisabetta II diventò così la leader del Commonwealth e la rappresentante del Regno Unito.
Nel 1965 fu la prima monarca britannica in 50 anni a fare visita alla Germania.
Durante gli anni ’70 e gli anni ’80, continuò a viaggiare ampiamente.
Nel 1973 partecipò alla conferenza del Commonwealth ad Ottawa in Canada e nel 1976 andò negli Stati Uniti per partecipare al duecentesimo anniversario dell’indipendenza dell’America dalla Gran Bretagna.

Una settimana dopo era già a Montreal in Canada per l’apertura delle Olimpiadi estive.
Nel 1979, viaggiò in Kuwait, Bahrain, Arabia Saudita, Qatar, negli Emirati Arabi e in Oman, quest’ultimo grazie a questa visita ottenne molta visibilità internazionale.

La famiglia reale

Elisabetta II ebbe altri due figli, Andrew e Edward che rispettivamente nacquero nel 1960 e nel 1964.
Nel 1969 ha ufficialmente nominato il Principe Charles come suo successore, assegnandogli il titolo di Principe del Galles.

Nel 1981 Charles sposò la diciannovenne Diana Spencer, la quale, secondo molti giornali scandalistici dell’epoca, fu spinta dalla famiglia a sposarsi con lui.Regina Elisabetta II nel 1953
Il matrimonio attirò milioni di persone a Londra e altrettanti milioni lo guardarono in diretta tv dalle proprie case. L’opinione pubblica a quell’epoca era molto propizia nei confronti della monarchia.

 

L’anno seguente, il suo secondo figlio, il Principe Andrew si arruolò come pilota degli elicotteri per la flotta navale britannica, la British Royal Navy, per la guerra delle isole Falkland nel 1982. La Gran Bretagna entrò in guerra contro l’Argentina per il controllo delle isole Falkland. La battaglia durò diverse settimane.

Minacce alla monarchia e perdite affettive

La Regina Elisabetta II, durante il suo lungo regno, ha assistito diverse volte ad attacchi rivolti alla monarchia.
Nel 1979 ha subito una forte perdita quando Lord Mountbatten, lo zio di suo marito, fu ucciso in un attentato terroristico. Mountbatten ed alcuni membri della famiglia si trovavano in barca il 29 Agosto, a largo della costa settentrionale dell’Irlanda, quando l’imbarcazione è esplosa.
L’IRA (Irish Republican Army), gruppo armato per l’indipendenza dell’Irlanda del Nord dal Regno Unito, ha rivendicato l’attacco.

Nel Giugno del 1981 lei stessa fu vittima di un’aggressione. Stava cavalcando, durante la cerimonia militare del Commonwealth, Trooping the Colour, organizzata per il suo compleanno, quando un uomo nella folla puntò una pistola contro di lei.
Fortunatamente il colpò non partì perché la pistola non era carica.
Infine, il nuovo millennio della Regina è stato caratterizzato da due gravi perdite affettive. Nel 2002 muore la sua sorella minore Margaret e solo qualche settimana dopo la madre, conosciuta come Queen Mother, morta il 30 Marzo all’età di 101 anni.

Scandali

Anche il vivido amore per i suoi figli le ha procurato non pochi attacchi di cuore.
Il difficile matrimonio del Principe Charles con Diana è stato tema di pagine e pagine sui principali giornali scandalistici, fino al divorzio della coppia nel 1992.

Anche il matrimonio del Principe Andrew con Sarah Ferguson è finito diverse volte sui tabloid, a causa dei presunti tradimenti di lei.

Anche il suo stesso marito, Philip, è diventato soggetto di innumerevoli pettegolezzi. Si pensava,infatti, che tradisse la Regina.

La morte della principessa Diana

I fiori a Buckingham Palace per il Funerale di Diana

Nel 1997 Elisabetta II, fu attaccata intensamente dai media a causa della morte della principessa Diana. La sua ex suocera, incredibilmente popolare, tant’è che era chiamata la People’s Princess, la principessa del popolo, morì in seguito ad un mortale incidente d’auto a Parigi il 31 Agosto.
La Regina si trovava quel giorno nel castello di Balmoral in Scozia con il Principe Charles e i suoi due figli.

Per giorni, la Regina non si pronunciò riguardo l’accaduto mentre il Paese piangeva il terribile lutto.
Fu molto criticata per la sua mancanza di risposte.

Cominciarono a circolare storie sul fatto che la Regina non voleva concedere a Diana un funerale da reale e questo portò ad un aumento dell’ostilità da parte del popolo nei confronti della monarchia.
Una settimana dopo la morte della Principessa Diana, Elisabetta II tornò a Londra e emise una dichiarazione sulla sua scomparsa.

Cambiamenti

Elisabetta II è stata la fautrice di una grande rivoluzione interna della monarchia britannica.
Ha fatto cadere alcune delle più obsolete tradizioni e ha reso l’accesso ad alcuni luoghi e tesori del regno più facile.
Ha accettato apertamente l’eliminazione della Civil List, ovvero l’assegnazione annua, nel bilancio dello stato, di una somma a favore del Re in ragione dell’ufficio da lui esercitato.
Un sistema di raccolta fondi statale datato 250 anni.

Una Regina da record

Il giubileo diamante

Opera dedicata al Giubileo di Diamante della Regina Elisabetta II

La Regina Elisabetta II ha celebrato il giubileo diamante nel 2012, avendo regnato 60 anni.
Per l’occasione hanno suonato Paul Mccartney, Tom Jones, Stevie Wonder, Kylie Minogue. Inoltre, il 9 Settembre 2015 ha sorpassato la Regina Vittoria, divenendo di fatto la governante che per maggior tempo ha regnato sulla Gran Bretagna.

Il giubileo zaffiro

Pochi giorni fa, il 6 Febbraio del 2017, la Regina ha festeggiato 65 anni di regno. È la prima monarca nella storia del Regno Unito a festeggiare questo giubileo.

La Regina nonna

Nel 2013 è diventata nonna. Suo nipote William e sua moglie Kate, la duchessa di Cambridge, hanno avuto il loro primo figlio: George Alexander Louis, conosciuto come Sua Altezza Reale Principe George di Cambridge.
Due anni dopo, il 2 Maggio del 2015 hanno avuto il secondo figlio, la Principessa Charlotte.

Regina Elisabetta II in Giallo

5 cose che non sapevi sulla regina Elisabetta II del Regno Unito

La Regina Elisabetta II del Regno Unito ha raggiunto oggi il primato assoluto di 65 anni di regno.

Il 9 Settembre 2015 aveva già oltrepassato il record della trisavola, la Regina Vittoria, il cui reame era durato 63 anni, 7 mesi e 2 giorni.
Ecco 5 curiosità sul personaggio più famoso e discusso della storia della monarchia britannica.

Regina da una vita

Nel 2012 la Regina Elisabetta II ha festeggiato il giubileo di diamante, celebrazione tenutasi per festeggiare il sessantesimo anno di regno. Per farsi un’idea, durante questi 65 anni la Regina Elisabetta ha conosciuto 12 presidenti degli Stati Uniti, 6 Papi della chiesa cattolica, 13 Primi ministri del Regno Unito.

La regina Elisabetta II non necessita della patente o del passaporto

La regina è l’unica persona nel Regno Unito che per guidare non ha bisogno della patente e la targa sulla sua macchina. Inoltre per viaggiare in tutto il mondo non ha bisogno del passaporto.

La Regina Elisabetta II è un’amante dei cani Corgi

La regina ha adottato oltre 30 cani corgi durante il suo regno. Il primo si chiamava Susan, ricevuto come dono per il suo diciottesimo compleanno. Molti dei corgi in seguito erano discendenti di Susan

La Regina Elisabetta II ha inviato la prima e-mail della storia

Il 26 Marzo del 1976 la Regina ha inviato la prima e- mail della storia da una base dell’esercito britannico durante una dimostrazione di network technology. La mail è stata trasmessa tramite ARPANET, l’antenato di Internet.

Oltre 3.500 leggi approvate durante il suo regno

Per trasformare un progetto di legge in una legge a tutti gli effetti, dopo essere stata approvata da entrambe le camere del parlamento britannico, la House of Lords e la House of Commons, essa deve ricevere il consenso reale.
Dal 1952, quando salì al trono, la Regina ha approvato oltre 3.500 disegni di legge.

9 Segni che ti dicono che è il momento di trasferirsi a Londra

Quali sono i segni che ti dicono che è tempo di trasferirsi a Londra?

Capita, ad un certo punto della vita che il richiamo di Londra prenda il sopravvento, la routine di tutti i giorni soffoca e trasforma la vita di tutti i giorni in qualcosa di noioso…. insomma si sente dentro la pancia che basta. E’ tempo di partire, di fare un esperienza nuova, di trasferirsi a Londra….

Quando si inizia ad avvertire questo sentimento di “lasciare tutto”, “andarsene” la vita in Italia inizia a prendere una piega diversa da prima, ogni piccola difficoltà ci sembra intollerrabile e una noia per la solita vita, ci attanaglia. Forse è giunto il momento per trasferirsi a Londra….

Ecco a voi una lista di 9 segnali tipici di chi sta per partire, di chi ha deciso di lasciare tutto per provare l’avventura londinese.

1 Pensi sempre al futuro e rimpiangi i tempi passati

Non riesci a concentrarti su quello che fai, sei sintonizzato su un’altro orizzonte temporale rispetto alle persone che ti circondano. Comunemente si direbbe che vivi nel tuo mondo.       Non c’è nulla di male a fantasticare su un futuro migliore, a provare nostalgia per i ricordi di qualche anno fa….. il problema è se questi pensieri ti impediscono di vivere bene in Italia….forse è il momento di trasferirsi a Londra!

2 Non sopporti più la tua vita, troppo tranquilla e normale

Londra è uno dei luoghi più caotici al mondo… Persone che hanno sempre qualcosa da fare, locali, ristoranti aperti a qualsiasi ora del giorno… A Londra non ci si ferma mai, c’è sempre qualcosa da fare!!

3 Ti lasci con la persona che ami

Argomento doloroso e delicato, non lo approfondiremo…..                                               Probabilmente hai bisogno di tempo per riflettere e l’idea di mettere qualche migliaio di KM di distanza dall’emozioni potrebbe aiutare.                                                                                                   Il tempo si sà aiuta, e poi chissà che il vero amore non sia prorio là a Londra ad aspettarti, anche per i tuoi sentimenti è tempo di trasferirsi a Londra

4 Provi rabbia, disagio, irritazione ogni volta che vai al lavoro

Ahimè, lavorare ci porta via gran parte della nostra giornata, sacrificio faticoso ma necessario, certo è che se inizi a vivere la tua giornata lavorativa con sentimenti di frustrazione, le ore passate al lavoro ti sembreranno non finire più.                                                                                       Questo è un evidente segnale che qualcosa non sta funzionando,…

5 Le persone ti dicono di “stare calmo”

“Hai bisogno di rilassarti” “Beviti una tisana” “Ma dormi bene la notte?” ” Datti una calmata!” Quanto durante la giornata ti senti dire queste frasi più volte….vuol dire che qualcosa proprio non funziona, la tua intolleranza nei confronti della tua vita attuale sta raggiungendo il livello di guardia. Probabilmente stai trattenendo qualcosa…magari la voglia di trasferirsi a Londra?

 6 Pensi che la vita abbia in serbo molto di più per te

L’Italia ti sta stretta, non riesci a trovare il lavoro per cui hai studiato, un’esperienza a Londra  potrebbe aprirti gli orizzonti, per prima cosa potresti imparare l’inglese, fare un esperienza di lavoro all’estero fa sempre Curriculum… insomma hai voglia di crescere, di provare a vedere se riesci a farcela da solo: Londra come sfida.
Tu sei un tipo che non si accontenta e se non hai la pappa pronta te la vai a cercare, anche a costo di andare a… Londra!

Forse potrebbe interessarti anche questo articolo che risponde alla domanda “Si può lavorare a Londra senza sapere l’inglese”

7 Quando guardi il Telegiornale la sera hai voglia di andartene dall’Italia

Basta le solite notizi, la solita Italia, i soliti politici, vuoi disintossicarti…spegnere la TV non ti basta più hai voglia di respirare un modo diverso di vivere.

8 Non sopporti più di andare nei soliti posti

Il solito pub, i soliti amici, le solite storie, i soliti giri……..

“Ragazzi vi voglio bene ma ho bisogno di andarmene per un pò, così da poter apprezzare nuovamente la vecchia routine!”

9 Hai la testa tra le nuvole

Sei sempre stato un sognatore ma di questi tempi proprio non riesci a concentrarti…daltronde si sa: LONDON IS A STATE OF MIND!!!

Se ti è piaciuto l’articolo, scrivici i tuoi segnali! Presto ne pubblicheremo uno nuovo!

Se sei interessanto a partire per Londra ti consigliamo di leggere questo articolo su come lavorare a Londra.

 

Articolo di Marco Muzzi

Sei in partenza per Londra? Hai Domande? Contattaci e prenota la tua consulenza gratuita e senza impegni!

La tua email (richiesto)

Il tuo messaggio

 

Puoi anche venirci a trovare!    

Il nostro ufficio è a Milano in Via G. Govone 30 – 20155 Milano

 

 

Leggi il nostro blog ci sono tanti articoli che approfondiscono l’argomento: lavoro a Londra con consigli e suggerimenti, come ad esempio questo articolo: http://www.easylondon.it/2016/08/offerte-lavoro-londra/

Andare a Londra / Trasferirsi a Londra / Voglio andare a Londra /Partire per Londra / emigrarare a Londra / Lavoro a Londra / Segni che è tempo di partire per Londra / Viaggio a Londra / Sto per andare a Londra

Big Ben Londra 4 fatti che non conoscevi!

Londra: Il Big Ben. 4 cose che non sapevi

4 curiosità sulla CAMPANA più amata d’Europa:

  • Big Ben è il nome della campana, non della torre!
  • Gli Inglesi chiamano la torre: “Clock Tower”
  • Non è chiara l’origine del nome “Big Ben”
  • Ci vollerò 25 anni per costruire la torre!

Fatto extra: Ogni 365 giorni l’orologio contenuto nella Clock Tower perde 6 secondi! Quindi degli addetti specializzati lo devono risistemare ogni anno!

 

Vieni a Lavorare a Londra!

Vivere a Londra? Una sfida possibile?

Quali sono i segreti per vivere a Londra?

I 3 segreti per Vivere a Londra

Ogni giorno riceviamo decine di messaggi sulla nostra Pagina Facebook e decine di mail che ci chiedono informazioni riguardo la possibilità di vivere a Londra!

Anna ci scrive: “Vivere a Londra è il sogno della mia vita!”

Marco ad esempio vuole trasferirsi e ci chiede: “Aiutatemi a realizzare il sogno di vivere a Londra”

Monica invece, non appena tornata da una vacanza a Londra ci scrive: “Quando ci sono stata per vacanza ho capito che avrei voluto viverci”

Tutti questi ragazzi hanno visto Londra solo per qualche giorno, di sfuggita magari durante una vacanza di qualche giorno o di una settimana, ma la maggior parte dei ragazzi che ci scrivono sono sempre andati a Londra per piacere mai per viverci.

E’ molto importante capire che: vivere a Londra non è affatto come starci in vacanza, non sarete più dei turisti con lo scopo solo di divertirvi e l’idea che Londra sia la città ideale, perfetta in ogni situazione, la migliore soluzione per aggiustare la vostra vita, potrebbe vacillare….

Quando ci vivi a Londra insieme alle gioie di aver realizzato il sogno di una vita iniziano i dolori e le difficoltà, perchè si sa, nella vita le cose belle hanno un prezzo e il prezzo di riuscire a vivere a Londra è sacrificarsi, rimboccarsi le maniche ed essere pronti ad essere alla sua altezza.

Quali sono i segreti per vivere a Londra?

 

Il primo segreto per vivere a Londra è essere consapevoli che vivere a Londra è molto diverso dall’essere in vacanza a Londra.

13d0g4

“London is a State of Mind” è il modo giusto per intraprendere l’avventura e vivere a Londra

Come detto vivere a Londra non è come essere in vacanza, cambia tutto. Vivere a Londra è una scelta di vita, dovrai essere molto determinato perchè Londra non solo dà  con le sue mille opportunità ma anche distrugge. Il mercato del lavoro è molto mobile e questo se da una parte aumenta le tue possibilità di trovare lavoro dall’altra le possibilità di perderlo e quindi cambiarlo sono molto alte! Dovrei essere predisposto e orientato al cambiamento.

Un ottimo consiglio per orientarsi nella ricerca di lavoro a Londra è rivolgersi ai servizi che ti offrono assistenza sia nel disbrigo pratiche per lavorare a Londra sia nel trovare lavoro facendo sostenere dei colloqui di lavoro: Vieni a Lavorare a Londra

Puoi anche trovare una guida aggiornata e riassuntiva: Guida alla London Experience

Il secondo segreto per vivere a Londra è trovare un alloggio adatto a te

Easy London ti può aiutare a realizzare il tuo sogno di vivere a Londra proponendoti innanzitutto un alloggio pensato per la tua esperienza che ti permetterà di non spendere troppi soldi ( le quadruple partono da 85 Sterline per persona a settimana) e  essere vicinissimo al centro città, in zona 2 a pochi minuti a piedi dalla metropolitana (per maggiori info Alloggi a Londra oppure scrivi a milano@easylondon.it).

Inoltre partire con la Easy London ti faciliterà la conoscenza di ragazzi con cui condividere l’esperienza di vivere a Londra, è infatti molto importante non stare sempre tra italiani ma conoscere altri ragazzi da tutta Europa così che possiate imparare l’inglese che rappresenta una condizione essenziale per poter vivere a Londra (se non hai una grande conoscenza della lingua inglese leggi questo articolo: lavorare a Londra senza sapere l’inglese)

Alloggio a Londra, Kendall Road

L’alloggio giusto per te è una dei requisiti fondamentali per vivere a Londra

Il carovita nella capitale britannica è molto più alto rispetto all’Italia, ma anche rispetto al resto della Gran Bretagna. È tutto più costoso: gli alloggi, la spesa, i trasporti e i divertimenti. E questo potrebbe essere il primo vero ostacolo per chi decide di trasferirsi a Londra e non possiede un budget adeguato per sostenere tutte le spese. Tuttavia, una volta trovato lavoro, la situazione diventerà più sostenibile.

Il terzo segreto per vivere a Londra è essere giovani

Londra offre molte opportunità ma per trasferirsi in una città come Londra e cercare lavoro da zero è altamente consigliato avere un età che sia al di sotto dei 35 anni. Infatti trovare lavoro anche per le mansioni più semplici è richiesta nella stragrande maggioranza dei casi la giovane età.

Ogni città al mondo ha aspetti positivi e negativi, questo articolo vi vuole mettere in guardia sulle difficoltà che potrete incontrare ma anche motivarvi a intraprendere un viaggio eccezionale che vi permetterà di crescere come persone, imparare l’inglese e forse realizzare il vostro sogno di vivere a Londra.

Le città perfette non esistono, noi della Easy London amiamo Londra, ma siamo anche a conoscenza dei suoi difetti, delle sue difficoltà, bisogna allargare gli orizzonti non soffermarsi solo sugli aspetti positivi, sui dettagli che ci piacciono ma accettare Londra nel suo insieme ed essere consapevoli del quadro generale, solo così la si potrà veramente amare e vivere.

 

Hai Domande? Contattaci e prenota la tua consulenza gratuita e senza impegni!

La tua email (richiesto)

Il tuo messaggio

Puoi anche venirci a trovare!    

Il nostro ufficio è a Milano in Via G. Govone 30 – 20155 Milano

dal1989

La A.C. Easy London è un’associazione giovanile costituitasi nel 1989 per favorire scambi culturali e turistici fra giovani appartenenti alla Comunità Economica Europea; siamo presenti in 5 regioni: Lazio, Piemonte, Lombardia, Campania, Sicilia. Leggi la storia

L’associazione è iscritta all’Albo Regionale del Lazio per le associazioni operanti a livello nazionale ed è in possesso dell’autorizzazione di esercizio delle attività turistiche in deroga alla legge quadro per il turismo L.R. 27/01/2000 n. 10.

 

 

 

5 siti web per imparare l'inglese prima di cercare lavoro a Londra

5 siti web per l’inglese prima di trovare lavoro e alloggio a Londra

Prima ancora di pensare di trovare lavoro e alloggio a Londra, certamente, sarà bene ripassare la grammatica inglese dato che la penna non sarà necessariamente sempre “on the table” e che, soprattutto per i primi tempi di adattamento, masticare un po’ l’idioma potrebbe risultare fondamentale.

A tal proposito, il web offre alcune soluzioni molto interessanti, ottimali sia per i principianti che per le persone che già padroneggiano un minimo con la lingua:

Social Network: Busuu è certamente una tra le piattaforme più interessanti per migliorare ascolto, scritto e parlato. Essendo pensato come un social network, chi si iscrive verrà aiutato da un madrelingua e a sua volta potrà correggere gli esercizi di tutti quegli utenti che vogliono apprendere l’italiano.

App: Babbel è una piattaforma di e-learning che dopo essere stata ampiamente apprezzata per i suoi servizi, ha continuato ad avere ottimi riscontri soprattutto con lo sviluppo dell’app che permette di potersi esercitare dal proprio smartphone in modo veramente molto semplice, con la possibilità concreta di potersi allenare con l’inglese durante tanti momenti della giornata.

Musica: se sei amante della musica Lyrics Training ti permetterà di ascoltare una delle tue canzoni preferite visualizzando il rispettivo testo che dovrai completare con le parole mancanti. Tutti i pezzi musicali sono divisi per livello di difficoltà.

Cinema: se serie tv e cinema ti tengono continuamente incollato allo schermo, trova migliaia di video – con i relativi sottotitoli – su Speechyard e ogni volta che non conosci una parola, ferma il filmato, evidenzia il contenuto e visualizza la traduzione.

Video: chi è il miglior professore d’inglese su YouTube? Certamente Mr Duncan con le sue video lezioni di poco meno di 15 min e milioni di visualizzazioni.

Naturalmente, oltre a questi aiuti, affidati a un’agenzia/associazione del settore per poter studiare/lavorare a Londra in modo da apprendere perfettamente la lingua.

Quizz: Sei Un Vero Londinese?

Prova il quiz su londra, per scoprire se sei un vero londinese!

Quizz: Sei Elisabetta o Diana?


10 cose di Londra che sicuramente non sai

10 curiosità su Londra

La capitale britannica è una delle città piú visitate del mondo… ma questo non toglie che possa sempre riservare qualche sorpresa! Queste sono alcune cose curiose di Londra che sicuramente non sai:

  • 1. Come Berlino, Miami o Amsterdam, Londra è stata costruita sull’acqua. Molte aree paludose sono state bonificate per creare zone abitabili ma altre sono state conservate (debitamente sanate!) e oggigiorno formano parte del paesaggio urbano, come il WWT London Wetland Center.

 

  • 2. A Londra ci sono circa venti fiumi sotterranei affluenti del Tamigi. Uno di essi, il Tyburn, scorre sotto il Palazzo reale di Buckingham. Dalla stazione di Sloane Square, se guardi verso l’alto, vedrai un tunnel nel quale passa il Westbourne, un altro dei fiumi perduti di Londra

 

  • 3. Uno dei posti piú curiosi di Londra è Leinster Gardens, una strada tranquilla nei pressi di Hyde Park. Diresti mai che due delle sue case… sono finte? Al 23 e 24 di Leinster Gardens si trovano infatti due facciate con porte, finestre e balconi dipinti sul muro. Dietro non c’è assolutamente niente… solo i binari di una vecchia ferrovia costruita a fine ottocento che i vicini decisero di tappare cosí per non rovinare l’estetica del quartiere!

 

  • 4. Londra è la nona città piú grande del mondo. Ha una popolazione di piú di otto milioni di persone e approssimatamente un abitante su tre è straniero. Questo fa di Londra una specie di torre di Babele nella quale si parlano circa 300 lingue diverse. Mica poche!

 

  • 5. Altre curiosità su Londra e i suoi abitanti. Secondo una statistica del 2013, Londra è la città con piú multimilionari di tutto il mondo (e per multimilionari intendiamo persone con un patrimonio di almeno 30 milioni di dollari!).

 

  • 6. Anche se molte persone si riferiscono alla Torre dell’Orologio di Westminster con il nome di Big Ben, il Big Ben è in realtà solo una delle sue antiche campane. L’orologio della torre è uno dei piú belli e pregiati che siano mai stati costruiti. Sapevate che nel 1995 uno stormo di uccelli si mise su una delle sue lancette e riuscí a farlo ritardare 5 minuti?

 

  • 7. Tutti sappiamo che in Inghilterra si guida a sinistra. Però attenzione, c’è un’eccezione che conferma la regola: la Savoy Court. In questa strada le macchine circolano sulla destra come stabilito da una legge del 1902, promulgata per permettere alle donne di scendere per prime dalle carrozze e entrare direttamente nel Teatro Savoy. Questa legge non è stata mai modificata ed è tuttora vigente.

 

  • 8. All’incrocio tra Edgware Road e Marble Arch si trovava l’Albero di Tyburn, una forca sostenuta da una struttura a tre gambe che permetteva impiccare piú criminali contemporaneamente. Le esecuzioni erano un vero e proprio spettacolo popolare e attraevano a migliaia di persone. In un periodo di circa 600 anni, l’Albero di Tyburn è servito per l’esecuzione di piú di 50.000 condannati a morte, l’ultima ebbe luogo nel 1783.

 

  • 9. Per trovare la nona curiosità di Londra dobbiamo andare fino al London Bridge e, piú concretamente, fino alla sua parte superiore. Il ponte venne progettato in modo tale che fosse possibile attraversarlo a piedi anche quando la parte mobile fosse alzata per il passaggio delle navi. Nonostante le intenzioni iniziali, nel 1910 questa parte venne chiusa perché non veniva quasi utilizzata e si era trasformata in una zona di prostituzione e delinquenza.

 

  • 10. La metropolitana di Londra è la piú antica del mondo e cominció a funzionare nel 1863. Solo un 45% dei suoi binari si trova sotto terra e attualmente ha piú di 270 stazioni e 400 Km di lunghezza. Si vocifera che l’unico posto della città in cui ci sono zanzare è proprio la metropolitana…
    Conosci altre curiosità di Londra e hai voglia di parlarcene? Scrivici un messaggio!

 

Articolo di Laura – Equipo de Marketing

Fonte: http://blog.friendlyrentals.com/it/londra/general/curiosita_su_londra-posts-224-1_4227.htm